TORNATI IN UFFICIO MA CON LA TESTA ANCORA IN VACANZA: COME RIPARTIRE DOPO LE FERIE

Ripartire dopo le ferie

09 Gen TORNATI IN UFFICIO MA CON LA TESTA ANCORA IN VACANZA: COME RIPARTIRE DOPO LE FERIE

 

I consigli di A&B per ritrovare la giusta carica sul lavoro

Vogliamo provare a sfatare un mito: il rientro dopo le ferie non è per forza un periodo tremendo e uggioso, ma potrebbe diventare il momento migliore per dare nuovo sprint al tuo lavoro.

Certo, la concentrazione non è al massimo i primi giorni in ufficio dopo le ferie, ma è normale: la nostra mente probabilmente sta ancora vagando per lidi soleggiati o bianche montagne. L’importante è non intristirsi come molti fanno per la fine delle vacanze, ma guardare al nuovo inizio con positività e cercare di cogliere tutte le opportunità che il nuovo anno offre.

Mentre gli altri indugeranno nei ricordi e racconteranno ai colleghi gli aneddoti più gustosi delle loro ferie, tu dedicati a ritrovare la solita produttività, riorganizzandoti e magari cercando di fare un salto di qualità, preparando il terreno per una promozione. Anche per i liberi professionisti la ripartenza può essere un momento d’oro: è proprio nei giorni della ripresa dei lavori che puoi trovare nuovi clienti e stabilire nuove strategie di azione.

Come ritrovare la voglia di fare: preparazione e organizzazione

Prima di spegnere il pc per l’ultima volta prima delle ferie hai preparato tutto: chiuso le faccende importanti, stilato liste delle cose da fare al rientro e avvertito colleghi e clienti. Sulla carta sembra tutto perfetto – e organizzarsi così è comunque importante – ma inevitabilmente i primi due giorni sei stato travolto da valanghe di mail e richieste dei colleghi.

Per evitare di ritrovarti nel marasma di attività che si sovrappongono una all’altra, ecco due punti saldi da tenere a mente:

1. Riduci la to-do list all’osso

Le liste di cose da fare – più o meno urgenti – che hai creato molto probabilmente sono piene di caselle da spuntare: pensare di concluderle nei primi giorni sicuramente non aiuta a portarle a termine, perché avere sul tavolo troppo da fare porta a procrastinare, sprecando tempo prezioso.

Un ottimo trucco è scegliere soltanto due attività da compiere all’inizio di ogni giornata: quando tirerai una riga sul primo punto, solo allora potrai aggiungere un altro compito al tuo elenco e via di seguito.

Se ti serve un metodo per migliorare la tua produttività
Prova il «Getting things done»

2. Non farti governare dalle e-mail

Rispondere nel più breve tempo possibile è sinonimo di educazione e rispetto, ma certamente non puoi dedicarti solo alla corrispondenza: occorre una sana via di mezzo.

Inizia a evadere le email più vecchie: chi ha inviato il messaggio potrebbe aspettare una risposta da parecchio tempo. Dopo di che usa la regola dei 2minuti: puoi rispondere a questa mail in modo conciso e rapido, in 2 minuti diciamo? Se la risposta è sì, rispondi e archivia la mail; se la risposta è no passa oltre (segnandola come non letta, non deve comunque essere dimenticata) prendendo nota nella tua to-do list se ti è richiesto di fare qualcosa.

Prova a seguire questi due consigli: non richiedono chissà quale impegno, giusto un po’ di autodisciplina, ma siamo sicuri che ti porteranno a riappropriarti della solita produttività, se non a migliorarla.

Ultimo suggerimento: per un rientro in totale tranquillità anche l’ambiente di lavoro conta. Hai mai considerato una postazione lavoro nei nostri A&B Business Center? Avresti così un ufficio in un ambiente dinamico, dove conoscere nuove persone e scambiare idee con altri professionisti.

Vieni a trovarci, troveremo insieme l’ufficio perfetto per te
Tags: