A&B Business Center - Articolo - Prendere decisioni

Si tende a esaltare chi prende decisioni d’istinto. Ma non sempre è il metodo più sicuro per buoni risultati. Anzi, può essere molto pericoloso.

Sul filo del rasoio

Siamo abituati a vedere, nei film, decisioni prese all’ultimo secondo, che possono salvare la vita a decine, se non centinaia o addirittura migliaia di vite.

Quante volte ci sarà capitato di vedere il protagonista scegliere all’ultimo secondo quale filo di una bomba tagliare? E quante volte lo fa seguendo il suo istinto?

Tuttavia, quello che in un film crea suspense e divertimento nello spettatore, nella realtà può essere molto pericoloso.

Decisioni “di pancia”

Annie Duke, consulente aziendale ed ex campionessa di poker, in un lungo articolo riflette proprio sul fatto che spesso sono proprio le persone più intelligenti a far affidamento sul loro istinto.

Tuttavia, per lei, questo è un modo precario e pericoloso di prendere decisioni, perché chi vi si affida, spesso ha vissuto una sequenza positiva di momenti fortunati. Non è però detto che questi durino per sempre.

Infatti, una lunga sequenza di successi, non consente loro di analizzare obiettivamente i risvolti delle loro azioni, esponendoli a dei rischi.

Decidere con metodo

Al contrario, prendere decisioni con metodo, può portare a dei risultati ben più alti e concreti.

Ciò implica saper analizzare scientificamente i pro e i contro di ogni azione: portare quindi il metodo scientifico in azienda.

Eppure, l’esperienza, l’intelligenza e l’istinto, spesso sono fondamentali nel processo decisionale.

Dove sta la verità?

Come per molti aspetti della nostra vita, la verità sta nel mezzo. Saper seguire il proprio intuito è importante; quest’ultimo, però, dev’essere supportato dalla capacità di saper analizzare lucidamente ogni situazione.

In questo modo si può scegliere d’istinto senza però giocare d’azzardo.

0 commenti