fbpx
A&B Business Center - Articolo - Motivare attraverso un discorso

In tempi di crisi, trovare la motivazione per sé e per chi ci ascolta, può diventare molto difficile. Eppure, attraverso piccoli accorgimenti, è possibile portare avanti un discorso incisivo anche davanti un’ampia platea.

Il segreto delle parole

Non è un segreto che un momento di crisi come quello dovuto alla Pandemia Covid19 possa innescare una spirale negativa.

La riduzione consistente degli affari genera depressione. Questo malessere si riflette così sul personale; quest’ultimo, demotivato, sarà meno produttivo. Incidendo negativamente sugli affari.

Riuscire a comportarsi da motivatori, in questi momenti, diventa difficile. Tuttavia, il segreto sta proprio nel modo in cui si esprimono i discorsi.

I trucchi degli speaker

Ognuno ha i suoi metodi per parlare davanti a una platea mantenendo allo stesso tempo viva l’attenzione.

Questi sono stati affinati nel tempo e uno speaker esperto difficilmente svelerà i suoi trucchi.

Tuttavia, esiste una vera e propria disciplina scientifica per far sì che un discorso riesca a caricare e motivare coloro i quali lo ascoltano.

Tre elementi da bilanciare

Ogni formula vincente racchiude tre elementi perfettamente bilanciati tra loro.

Questi sono derivati dalla disciplina militare e vantano quindi decenni di applicazione in svariati campi.

Questi tre elementi sono in buona sostanza tre azioni da portare avanti durante un discorso: indirizzare, esprimere empatia e creare senso.

Indirizzare

Per indirizzare si intende fornire agli ascoltatori elementi e indicazioni precise sull’argomento, che siano utili al raggiungimento dell’obiettivo.

Esprimere empatia

Esprimere empatia significa mostrare agli ascoltatori degli aspetti tutt’altro che scontati: la propria vicinanza e umanità.

Creare senso

Trovare un “linguaggio creatore di senso” consente di spiegare in maniera più semplice ed esaustiva possibile perché un determinato compito è importante.

L’importanza di saper comunicare

Saper trasmettere motivazione ed energia ai propri collaboratori dovrebbe essere una prerogativa di qualunque leader.

Eppure, le cose nella realtà sono molto diverse: non sempre la capacità di comunicare è innata. Inoltre, sono pochi i manager che si formano adeguatamente.

I tre elementi sopra descritti possono essere un buon punto di partenza ma richiedono comunque pratica ed esperienza.

 

0 commenti