fbpx
A&B Business Center - Articolo - Divertimento attivo_puntare al benessere dei dipendenti

Lo chiamano “divertimento attivo” ed è una pratica tante volte ipotizzata ma ancora ignorata dalle aziende per puntare al benessere dei dipendenti. Ma davvero è possibile divertirsi in ufficio? E quali sono gli effetti sulla produttività?

Il benessere attraverso il divertimento

Tutto ha inizio da uno studio di alcuni ricercatori del Dipartimento di Psicologia della Northern Illinois University. Il nome, piuttosto lungo, lascia spazio ai dubbi: “Does Active Leisure Improve Worker Well-Being? An Experimental Daily Diary Approach“.

L’esito di questo studio ha messo in luce il concetto di divertimento attivo; per divertimento attivo si intende l’insieme di attività ricreative, selezionate in maniera mirata, che prevedono la partecipazione diretta di un soggetto.

Per questo, secondo lo studio, le aziende dovrebbero progettare programmi ricreativi sempre più efficaci; ciò può avvenire se mirati al benessere dei dipendenti.

Lo studio

Lo studio prevedeva la costituzione di un gruppo di partecipanti. I ricercatori li hanno selezionati tra dei professionisti; di ognuno hanno poi hanno tracciato un profilo psicologico e motivazionale.

A uno dei due gruppi sono stati proposti una serie di attività ricreative: dalla scrittura alla danza, dalla pesca ai giochi di ruolo. I partecipanti dovevano svolgere queste attività per almeno 30 minuti.

L’altro gruppo, invece, non ha svolto nessuna attività. Tuttavia, i ricercatori hanno ugualmente tracciato il profilo psicologico e motivazionale. In questo modo, hanno potuto raccogliere la stessa tipologia di dati.

L’esito: migliori performance

Lo studio ha dato delle indicazioni molto importanti; tra queste, una risposta certa: il divertimento attivo funziona.

Infatti, nel gruppo che ha svolto le attività, i partecipanti hanno mostrato segnali di soddisfazione più alti, rispetto a chi non aveva svolto nessuna attività.

Le attività hanno quindi portato una serie di effetti benefici sull’umore e sulla motivazione dei professionisti. Questo si è tradotto in un maggiore coinvolgimento nell’ecosistema aziendale. Di conseguenza, le performance sul lavoro sono migliorate in maniera consistente.

 

0 commenti