19 Gen SMARTWORKING: i vantaggi di un nuovo modo di lavorare

 

Smart workingLo smart working ha già conquistato circa il 30% delle aziende italiane, dalle piccole imprese alle grandi multinazionali, e questo trend, oggi ancora relativamente poco conosciuto, è destinato a salire nei prossimi anni, coinvolgendo un numero sempre maggiore di imprese.

Questo nuovo approccio lavorativo sta radicalmente rivoluzionando l’idea tradizionale di lavoro, in cui ci si alza presto ogni mattina, si prende l’auto, il treno, la metropolitana, e si raggiunge la propria scrivania, per poi compiere  il percorso inverso fino a casa dopo le 18.

Lo smart working consiste infatti nella possibilità, per i lavoratori, di svolgere le proprie mansioni al di fuori della sede aziendale e in orari flessibili, che non devono essere necessariamente i canonici 9 – 18.

Le ragioni che spingono sempre più imprese a sperimentare lo smart working sono da ricercarsi, secondo quanto è emerso anche da una recente indagine svolta al Politecnico di Milano, nei suoi numerosi ed indiscutibili benefici:

Aumento della produttività e miglioramento della qualità del lavoro.  Si stima infatti che all’interno delle aziende che applicano questo metodo di lavoro la produttività possa aumentare fino al 20%, grazie soprattutto alla riduzione dei tempi di trasferta, all’ausilio di tecnologie come smartphone e tablet che permettono di lavorare anche lontani dalla propria postazione fissa, e ad una maggiore flessibilità nei tempi e nei modi di lavoro.

Riduzione dei costi di gestione delle aziende. La diminuzione delle postazioni fisse di lavoro permette alle imprese di riorganizzare i propri spazi, portando ad una consistente riduzione delle spese di manutenzione, pulizia, utenze. Non solo. Lo spazio di lavoro viene improntato ad una maggiore condivisione, che favorisce la comunicazione, lo scambio di idee e la collaborazione tra i dipendenti.

Dipendenti più motivati. Lavorare nei modi e nei tempi stabiliti dal singolo lavoratore porta ad un livello di soddisfazione più alto, ad un più veloce raggiungimento degli obiettivi e ad un abbattimento dello stress.I lavoratori, in questo modo, hanno più tempo per dedicarsi ad attività extra – lavorative e ricreative, che contribuiscono ad aumentare il benessere generale della persona.

Possibilità di conciliare lavoro e vita privata. Soprattutto per le donne, che devono destreggiarsi tra l’attività lavorativa e gli impegni familiari, lo smart working permette di organizzare al meglio la propria giornata, dedicando le giuste energie e il giusto tempo ad entrambe le sfere, e aprendo così la strada verso nuove opportunità di carriera.

Ambiente più pulito. I lavoratori si spostano meno per raggiungere il luogo di lavoro, con un risparmio in termini di denaro; questo si traduce inoltre in una notevole riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambiente e di conseguenza  un miglioramento della qualità dell’aria.

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn