20 Set Mamme e carriera: conciliare lavoro e bambini

 

mamme-bimbi-e-lavoroMilano accoglie ogni giorno circa un milione di lavoratori, residenti e pendolari, di cui circa il 50% è donna.

Più dell’80% delle donne che lavorano a Milano è assunta come dipendente o come collaboratrice all’interno di un’azienda, mentre le lavoratrici autonome non raggiungono il 15%. L’aspetto interessante da considerare è però che, negli ultimi anni, le donne sono riuscite ad affermare le proprie capacità professionali e la propria determinazione, riuscendo a conciliare vita lavorativa e famiglia, e ottenendo l’accesso a quello che, fino a poco tempo fa, era un mondo prettamente maschile, raggiungendo grandi successi ai vertici di aziende, consigli di amministrazione, enti statali. In questi ultimi decenni questo dato ha subito un netto e sostanziale incremento, evidenziando la forza e la determinazione del carattere femminile.

La sfida più difficile è conciliare questo mondo prettamente “maschile” alla famiglia.

Anche nei nostri Business Center queste figure non mancano.

A&B dedica particolari attenzioni alle mamme, sempre di corsa e piene di impegni. Per loro parcheggi rosa riservati nei centri di viale Brianza 181 a Cinisello Balsamo, via Colico 36 e Via Valla 16 a Milano. E non solo.. in casi eccezionali le nostre segretarie si sono trasformate in ottime intrattenitrici di pargoli portati al lavoro dalle mamme, in quel giorno abbandonate dal supporto di nonni, asili ecc, ma trovatesi ad affrontare situazioni lavorative non previste quali visite di clienti importanti o controlli aziendali.

Il lavoro è fonte di soddisfazione ed autostima per una donna. Altrettanto lo è la sua famiglia. A&B è solidale con queste donne nel difficile equilibrio di conciliare lavoro e casa.

Abbiamo posto alcune domande alle nostre mamme.
La maternità ha inciso sul tuo lavoro? Se si, come?

Clicca qui per consultare tutte le risposte a questa domanda

“Sono stata fortunata perché dopo la seconda figlia ho cominciato a lavorare con un part-time di 6 ore (che mi è stato concesso). Successivamente, nella posizione attuale ho molta flessibilità di orario e questo mi consente di riuscire a gestire gli impegni legati alle mie figlie, le problematiche relative alla casa e il lavoro che può essere recuperato anche in orari diversi da quelli canonici.”
Giovanna, Impiegata, 2 figlie – A&B Cinisello Balsamo

“Sicuramente la maternità ha inciso sul mio lavoro. Prima della maternità (anno 2003) viaggiavo per lavoro, cosa che in seguito ho preferito abbandonare. Da sempre lavoro a tempo pieno e personalmente sono più tranquilla ad essere a casa la sera per seguire da vicino i miei figli nella delicata fase di crescita e formazione. La scelta è stata personale e per nulla sofferta!”
Lucia, Management Assistant, 3 figli – A&B Repubblica

“Non ha inciso molto perché, nel mio caso particolare, sono stata, e lo sono tuttora, fortunata di poter contare sull’aiuto della famiglia per accudire mia figlia, soprattutto nell’aspetto logistico.”
Gabriela, Vendite Italia ed Estero, 1 figlia – A&B Repubblica

“Purtroppo si. In Italia la madre lavoratrice è sempre penalizzata ancora oggi. Giustamente le aziende si devono tutelare, resta il fatto che il prezzo lo paghiamo sempre noi. Ha inciso in quanto al mio rientro mi hanno dato un’altra mansione.”
Sabrina, Impiegata, 2 figli – A&B Cinisello Balsamo

Secondo te che cosa dovrebbero fare le aziende per aiutare le mamme lavoratrici?

Clicca qui per consultare tutte le risposte a questa domanda

“Orario flessibile, permettere di lavorare da remoto e non necessariamente in sede.”
Silvia, Responsabile amministrativa, 2 figli – A&B Finocchiaro Aprile

“Sarebbe perfetto creare degli spazi per poter tenere i figli più piccoli nei periodi più critici mentre per i più grandi fare delle convenzioni con centri estivi seri dove i bambini possano imparare qualcosa oltre che passare semplicemente il tempo.”
Simona, Sales Assistant Ufficio Amministrativo, 1 figlia – A&B Cinisello Balsamo

“Le aziende dovrebbero permettere alle mamme di lavorare da casa senza problemi.”
Nicoletta, Sales Assistant, 2 figli – A&B Valla

“Praticare orari flessibili e dare a disposizione delle mamme degli asili nido e scuole materne in azienda aiuterebbe economicamente le famiglie e la madre a gestire meglio il tempo tra lavoro e famiglia.”
Laura, Impiegata amministrativa, 2 figli – A&B Valla

Quali suggerimenti vuoi dare ad una tua collega prossima alla maternità?

Clicca qui per consultare tutte le risposte a questa domanda

“Suggerisco di non rinunciare al lavoro, quindi alla possibilità di confronto, autonomia, crescita e soddisfazione personale. Cercare di conciliare la vita familiare con quella professionale senza perdersi d’animo…e godere di entrambe le soddisfazioni.”
Roberta, Segretaria organizzativa Academy, 1 figlia – A&B Repubblica

“Goditela e non avere ansia perché diventare mamma ti dà la forza di superare qualsiasi cosa! L’importante è sapersi organizzare.”
Beatrice, Commerciale e Marketing, 3 figli – A&B Cinisello Balsamo

“Non ho particolari suggerimenti, la maternità è un periodo molto particolare e molto bello, però è giusto che anche l’azienda non si senta “minacciata” da una donna che rimane incinta. Per cui il mio consiglio è quello di continuare a dimostrare che noi donne, nonostante i mille impegni e le circostanze che precedono e seguono la maternità, siamo ottime lavoratrici e per questo dobbiamo essere valorizzate e aiutate in questo momento ancora più complesso degli altri!”
Nicoletta, Technical Safety Engineer, in attesa del primo figlio – A&B Finocchiaro Aprile

“Organizzarsi al meglio per avere un supporto che possa aiutarla nel gestire il futuro bambino.”
Marinella, Assistente Amministrative, 1 figlio – A&B Cinisello Balsamo

Condividi l’articolo sulla tua pagina Facebook cliccando sull’icona qui sotto.

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn